È stato presentato lo studio di pre-fattibilità della realizzazione del nuovo ospedale Mater Salutis di Legnago.
All’incontro, che si è tenuto giovedì 21 aprile, nella sede direzionale dell’ospedale, erano presenti il Collegio di direzione, il Consiglio dei sanitari, i direttori delle Unità operative e il personale ospedaliero, oltre al sindaco di Legnago Graziano Lorenzetti e al presidente del Comitato dei Sindaci del Distretto 3, Flavio Pasini, che hanno espresso grande soddisfazione per il progetto del nuovo ospedale.

Il direttore generale dell’Ulss 9 Scaligera, Pietro Girardi, ha spiegato come a fronte di varie ipotesi, poi scartate in accordo con la Regione, si sia scelta la soluzione dello sviluppo a nord della struttura attuale.
Tale soluzione è stata preferita rispetto all’ipotesi opposta a sud in quanto presenta meno vincoli, quali quello ambientale, e meno impedimenti (e conseguentemente minori tempi di costruzione e oneri economici), quali lo spostamento dell’elisuperficie, di difficile altra collocazione, gli eventuali espropri di abitazioni civili e la deviazione di un oleodotto sotterraneo.

Il 18 febbraio scorso, la Regione Veneto, attraverso la Commissione Regionale per l’Investimento, Tecnologia e Edilizia (CRITE), ha quindi espresso parere favorevole alla soluzione nord, dando avvio all’Azienda Ulss 9 Scaligera al progetto di fattibilità tecnico-economica, individuando una prima fase funzionale coerente con le risorse di 40 milioni di euro.

Il nuovo ospedale avrà uno sviluppo a piastra di circa 39 mila metri quadrati, con all’interno i servizi emergenza per 14 mila metri quadrati (pronto soccorso, sale operatorie, terapia intensiva, radiologia, ecc.) e tutte le attività ambulatoriali e di servizi sanitari per 25 mila metri quadrati (day hospital, laboratorio analisi ecc.), uno sviluppo a corpo quintuplo relativo ai due fabbricati che ospiteranno le degenze, per complessivi 16 mila metri quadrati, oltre a un’area amministrativa-didattica che fungerà anche da ingresso principale per 7 mila metri quadrati.

«Il nuovo ospedale – ha sottolineato Girardi rivolgendosi ai colleghi – verrà costruito insieme a tutti voi, delineando i percorsi e l’organizzazione ottimale per ogni reparto e servizio».

La struttura del vecchio ospedale verrà completamente demolita per lasciare il posto a un’area parcheggio di circa 1200 posti auto, con una parziale copertura degli stessi attraverso la realizzazione di un parco fotovoltaico di circa 3 megawatt.

A rappresentare dal punto di vista architettonico il passaggio tra il vecchio ospedale e il nuovo sarà la parte ad arco, che verrà reintegrata degli spazi necessari per ospitare la sede amministrativa e le aule universitarie.
Per quanto riguarda gli spazi utilizzati per le attività sanitarie, si evidenzia la complanarità della piastra, ovvero l’efficientamento gestionale dei servizi sanitari su singoli piani con funzioni omogenee, mentre a livello distributivo si terrà conto dell’esperienza del Covid-19, con attenzione agli spazi, ai percorsi, agli impianti meccanici e dei gas medicali.

Il nuovo Mater Salutis, tra i primi nuovi ospedali dell’era post Covid, rappresenterà un punto di riferimento per le nuove costruzioni di edilizia ospedaliera, sarà costruito in modo da garantire la massima fruibilità, flessibilità, e sarà in grado di assicurare per il futuro l’applicazione delle nuove tecnologie sanitarie.

QUI LE IMMAGINI DELLO STUDIO DI PRE-FATTIBILITA’ DEL NUOVO MATER SALUTIS.

PRESENTAZIONE NUOVO OSPEDALE DI LEGNAGO – 20.04.2022

... ...